1979

Il primo pub/ristorante vegetariano

Erano tempi in cui si incominciava a parlare di vegetarianesimo. La guerra del Vietnam ed il 68 avevano scosso le coscienze e il pensiero su cui si fondavano gli stili di vita dell’uomo. 

L’alimentazione di quegli anni era frutto di una reazione alla povertà dovuta alle Grandi guerre e che aveva spinto alla creazione di allevamenti intensivi e all’approvvigionamento spropositato di viveri. Per la prima volta ci si chiedeva se quel modo di fare fosse giusto e se ci potessero essere altre strade.


In questo contesto, Alberto Musacchio, smise di mangiare carne e all’età di 19 anni creò insieme al fratello un luogo d’incontro per gli studenti della città di Perugia, dove fosse possibile trovare un’alternativa al modo di pensare e di mangiare presenti fino a quel momento.

1987

La famiglia Musacchio si insedia a Montali.

Uno dei panorami più belli d’Italia, immerso nelle colline a ridosso del lago Trasimeno in Umbria. Qui la famiglia Musacchio, appena formata da Alberto e Malu, trasforma un rudere occupato dai rovi in uno splendido giardino dove servire esclusivamente cucina vegetariana.


L’idea era quella di offrire ai clienti un diverso concetto di “hotel di lusso”, che esaltasse altri aspetti oltre a quelli più convenzionali, ma sempre basato sul concetto di buona cucina.

1994

Una realtà internazionale.

L’eccezionale qualità dei piatti in cui si combinavano cucina vegetariana, italiana e brasiliana è ormai famosa e apprezzata ovunque.

Decine di Chef hanno collaborato ad un successo gastronomico che ha portato alla vendita di tre best seller di cucina venduti in 12 paesi diversi. Dal Guardian all’Observer, dal Jerusalem Post allo Standaard, da Marie Claire a Cosmopolitan, in tanti hanno celebrato questa cucina raffinata vegetale al 100%.

Intanto la famiglia si allarga con la nascita del piccolo Damiano.

2002

I primi riconoscimenti.

La Vegetarian Society inglese premia il Montali con il “Best Vegetarian Hotel Award”nell’elegante cornice dello Strand Hotel di Londra. Il primo di una serie di prestigiosi riconoscimenti al lavoro e agli sforzi profusi negli anni per realizzare il sogno di portare un cambiamento positivo e sostenibile nel mondo.
2010

Un laboratorio culinario.

Al Montali continua la collaborazione internazionale con Chef di altissimo livello che lo porta a diventare un laboratorio di sviluppo di cucina vegetariana. Si studiano i vari tipi di allergie alimentari ed i possibili sostituti, anche per rispondere alle richieste specifiche di orientamento religioso.


Nel frattempo il mondo si orienta sempre più verso il vegan, nascono quindi nuove tecnologie che portano alla creazione di prodotti alternativi all’alimentazione tradizionale.

2014

Nasce la Joy Srl.

Per realizzare un vero cambiamento globale la famiglia Musacchio decide di portare un’alimentazione sana, sostenibile e 100% vegetale nelle case italiane e nel mondo attraverso la produzione di analoghi della carne.


Grazie alla collaborazione con l’Università di Wageningen e allo sviluppo di un impianto di High Moisture Wet Extrusion, unico in Italia, viene creata la prima “carne vegetale” Made in Italy.

Un prodotto studiato non solo per un pubblico vegano/vegetariano, ma che vada incontro ai gusti di chi pratica un’alimentazione tradizionale, fornendo un’alternativa valida per gusto, consistenza e valori nutrizionali.

2019

L’ingresso nella grande distribuzione.

Grazie all’innovazione e alla risposta del mercato, l’azienda riesce a crescere, far conoscere e apprezzare il concetto dell’analogo della carne in Italia. Un tema che sempre di più viene recepito come importante strumento per la salvaguardia del pianeta.


La proteina vegetale, come evidenziato dall’IPCC, è la forma più etica ed economica per sfamare una popolazione sempre più grande. Per questo la Joy, con la sua linea Food Evolution, vuole portare i 40 anni di cultura gastronomica della famiglia Musacchio nelle tavole di tutto il mondo. Per far sì che il cibo sia motivo di sostentamento consapevole, ma senza rinunciare al gusto; mettendo al primo posto la salvaguardia della nostra salute, degli animali e del pianeta.


Scegliendo un’alimentazione vegetale ci aiuterai a fare la rivoluzione un piatto alla volta!